Crea sito

Ambiente: sai quanto inquina il tuo shampo?

Forse quando ci facciamo la barba, quando facciamo uno shampo o semplicemente ci ristoriamo sotto la doccia, insaponandoci, non ci facciamo caso o forse, non ce lo siamo mai chiesti. Eppure la quantità di prodotti per la cura, il benessere e la pulizia del corpo hanno un impatto sull’ambiente, non foss’altro perché ne scarichiamo in Europa, ogni giorno, qualcosa come due milioni di tonnellate. Anche se bisogna dare atto ai produttori di essersi impegnati affinchè il prodotto cosmetico sia meno aggressivo per il pianeta di un tempo, non si può escludere che tali prodotti non esercitino la loro azione sull’habitat, non foss’altro per le quantità enormi, come abbiamo visto, che vengono riversate in mare e corsi d’acqua in generale. Sarebbe utile a questo punto conoscere meglio il tipo di impatto ambientale che hanno i prodotti cosmetici. Ma qui, ecco l’inghippo. Almeno in Italia non esistono norma che regolino ciò. Occorrerebbe una normativa più esaustiva di quanto oggi lo sia. Per questo Ermete Realacci, grazie alla collaborazione con SkinEco (Associazione Internazionale di Dermatologia Ecologica o Ecodermatologia) ha presentato un progetto di legge a favore della chimica verde. Il progetto si chiama PDL 4435, volto a stabilire quanto inquina produrre e utilizzare un balsamo per capelli, una schiuma da barba, un sapone per le mani e così via. Ciò in quanto, l’impatto della cosmesi è stato degnato di poca considerazione, probabilmente perché ritenuta una scienza voluttuaria e dunque poco degna di attenzione scientifica. Sbagliato. Solo per fare un esempio, basti pensare che le norme vigenti relative alla produzione e commercializzazione dei cosmetici non contengono alcuna indicazione relativa alla biodegradabilità dei componenti.
Be Sociable, Share!

Tags: , ,

One Comment

  • cosmetici naturali ha detto:

    Si sottovaluta molto la questione cosmetici ed ambiente… Lo shampo e gli altri prodotti devono essere scelti con cura. Fortunatamente il naturale sta prendendo sempre più piede.