Crea sito

Grecia: la bufala delle pensioni greche

banche greche In questo periodo, lo sport nazionale per noi italiani è sbirciare dal buco della serratura della Grecia per scoprirne la sua fine o la sua salvezza. Uno dei motivi che adducono coloro che additano la Grecia come l’origine dei mali del mondo e in particolare della UE è l’allegro modo di andare in pensione in Grecia, ovviamente così sostenendo accettiamo di buon grado tutti i giri di vite che la UE, complice una stampa di parte, ci ammannisce a partire dal fatto di considerare i greci degli scansafatiche pronti ad andare in pensione come si faceva da noi quarant’anni fa con le baby pensioni. Questo è l’aspetto che ci interessa veramente, al di là degli aiuti o meno che questa Nazione ha ricevuto. E visto che di pensioni si parla, almeno su questo punto, siamo così sicuri che in Grecia si vada in pensione da “bambini” e per di più si ricavano lauti guadagni dalla stessa pensione? Ebbene è proprio il giornale tedesco Der Spiegel a dire che tutto quanto ci hanno detto della Grecia a proposito delle pensioni è falso. Non è vero infatti che nel Paese ellenico si vada in pensione a 55 anni e a dirlo non è la sola testata tedesca, ma anche l’OCSE che ci fa scoprire qualche dato importante che sarebbe bene tenere a mente, ovvero, che l’età di pensionamento medio in Grecia è di 61 anni e mezzo e se andiamo a guardare la Germania, sempre pronta a dare i compitini ai Renzi di turno, anche in questo Paese si va in pensione alla stessa età. Ma allora perché si ripete che l’età media per andare in pensione in Grecia è di 56 anni? Perché questa è riferita solo ad alcuni settori pubblici, ma guarda caso, la ricca e arrogante Germania consente ad alcune categorie pubbliche di andare in pensione alla stessa età, addirittura i postali tedeschi possono andare in pensione a 55 anni. E che dire dell’altro scenario, quello dell’entità di queste pensioni greche? C’è da dire che sono pensioni da fame, che non superano i 670 euro e questo riguarda quasi un pensionato su quattro. Ma allora perché c’è tanto livore da parte della Germania nei confronti della Grecia? Qui la cosa dovrebbe riguardare tutti, creare paure negli altri Stati alimentandole con lo spauracchio della Grecia fa stare più tranquilli, terrorizzandoli, gli Stati meno saldi dell’Unione Europea facendo loro accettare austerità, sacrifici, lacrime e sangue, con il terrore che è meglio tacere, visto che al peggio non c’è mai fine e cosa c’è in Europa peggio della Grecia? Quante volte ci siamo sentiti dire, stiamo attenti che si finisce come sta finendo alla Grecia? Eppure alla Grecia manca un’altra austerità in più per finire a gambe per aria, perché in Grecia si fa davvero la fame e coloro i quali vanno in pensione lo fanno perché in quello Stato non esiste alcuna protezione per i disoccupati. Se solo si pensa che su dieci disoccupati, almeno 9 finisce in strada a morire di stenti. Il risultato qual è? Che se fossimo in Grecia e rischiassimo di perdere il lavoro preferiremmo pensionarci a 59 anni, percependo una pensione da fame piuttosto che rischiare di morire letteralmente di fame una volta disoccupati, cosa che non accade in Germania, dove gli ammortizzatori sociali sono molto efficaci, si tratta di capire perchè non lo siano altrettanto in tutti gli stati dell'Unione Europea. Ed infine, facciamo cadere un altro mito sbagliato di cui si riempiono la bocca i burocrati europei, in particolare tedeschi. A sentir loro tutti i greci sono in pensione a godersi la lauta ricompensa fra gli agi. A parte che come abbiamo visto le pensioni greche sono da fame, ma siamo così sicuri che la Grecia sia la patria dei pensionati con un alto numero di ex lavoratori in questa condizione? Sbagliato! In Grecia ci sono 24 pensionati su cento lavoratori, troppi? In Germania ce ne sono 26 su cento. Allora cosa sta succedendo in Grecia? In Grecia sta succedendo qualcosa che ci riguarda molto da vicino, l’altissimo numero di disoccupati, che visto che sono senza protezione e muoiono letteralmente di fame, non possono spendere, non possono alimentarsi, non comprano case, non comprano auto e se si ammalano muoiono, come sembra vicino a noi questo spauracchio… E chi ha voluto tanta austerità? Questa politica suicida dell’Unione Europea e dell’Euro a seguire e come un cane che si morde la coda, l’austerità genera disoccupazione e la disoccupazione genera miseria generalizzata. Altro che baby pensioni, cara e arrogante Germania! Giuliano
Be Sociable, Share!

Tags: ,

2 Comments

  • claudio ha detto:

    assurdo articolo di questo innominanto e innominabile commentatore: fazioso e cattocomunista. continua a voler sostenere la logica del parallelismo tra grecia e germania. cioè commentare le differenze tra una formica e un elefante. I TEDESCHI POSSONO PERMETTERSELO!! hai capito testa vuota!! l’unica origine del problema, becero estensore, è che qualcuno (tedeschi, italiani e francesi) hanno prestato soldi ad una nazione che mai sarebbe stata in grado di restituirli!! hanno giocato su un fattore puramente speculativo, credendo di farla franca. i greci, ladri, che hanno sottoscritto il prestito per conto dello stato, hanno ampliato a dismisura le caste parassitarie, creando dei benefici collettivi, o quantomeno generalizzati, che la ricchezza ellenica prodotta mai avrebbe potuto sostenere. questo fetente articolista non spiega il meccanismo della reversibilità, autentica follia. adesso il bandito tsipras non piò far la parte di quello che revoca i benefici, ma anzi deve fare la sceneggiata del populista merdoso che promette a tutti senza avere: tipico del comunista bastardo. la prova? anche se non restituissero il debito andrebbero comunque a gambe per aria. non hanno nemmeno i soldi per l’acqua corrente. e fanno i duri! volgari giocatori d’azzardo, come ebbe a definirli qualcuno. dagli strozzini internazionali bisogna stare alla larga. non chiedere soldi e fare da soli. caro popolo (casta) greco. credevi di vivere sulle spalle degli altri? non possibile. europa maledetta. beati coloro che si sono tenuti la loro moneta, intelligenti e prudenti. sapevano di non fidarsi dei mediterranei, ladri e mafiosi.

  • claudio ha detto:

    il mio articolo è in attesa di “moderazione”??!!! cosa? e un ignorante e innominato articolista può scivere tutte queste panzane? roba da chiodi.