Crea sito

Immigrati: spazio soltanto per loro negli ospedali, italiani dimessi a forza!

pili-migranti2

Ovviamente non mancheranno quelli che esordiranno dicendo che la notizia è falsa o che, come minimo, è stata mal interpretata. Salvo poi scoprire che così facendo, piano, piano, passo dopo passo, stiamo finendo, con la complicità di una classe dirigente complice, nel baratro. Premesso ciò, ecco la notizia. Una circolare urgente di stamattina invitava i sanitari dei nosocomi sassaresi che essendo in prossimità dello sbarco di qualcosa come 198 uomini, 126 donne e 68 bambini migranti a Porto Torres, era necessario liberare, ovvero dimettere quanti più pazienti possibili per far posto a detti migranti.

Insomma, una sorta di sfollamento in grande stile cui dover sottostare per far posto a una miriade di persone, per lo più clandestine e che non avrebbero nemmeno il diritto di sbarcare da noi. La cosa incredibile è che chi per primo ha ricevuto la circolare pensava si fosse trattato di una semplice allerta per medici e paramedici per fronteggiare la situazione di “emergenza”, salvo poi ricredersi con una lettura più attenta della missiva che così recita:

Si chiede ai Sigg. Direttori delle Unità Operative di ricovero di voler accelerare le procedure di dimissione, per quanto possibile, provvedendo, nel caso non si potesse in mattinata, a dimettere anche nel tardo pomeriggio“.

Insomma, spazio agli immigrati e a casa gli italiani, anche se malati o che non hanno ancora completato le cure mediche previste dal ricovero. La lettera è stata pubblicata dal deputato di Unidos Mauro Pili,denunciando la trasmissione ai reparti ospedalieri di tale circolare e annunciando un’urgente interrogazione al ministro competente. Insomma, quanto sta avvenendo da noi negli ultimi mesi è incredibile e allarmante al contempo, segno che, come si dice, all’inferno ci si arriva per piccoli passi e noi, passo dopo passo, ci stiamo incamminando verso l’abisso.

Giuliano

Fonte: Imola Oggi

contatori visite gratis

Be Sociable, Share!

Tags: , ,