Crea sito

Recessione: tutto finirà, forse, nel 2020 e nel frattempo? ammazzatevi!

Grandioso…. Non c’è che dire, anzi, ditelo agli italiani “strozzati” da tasse, imposte, perdita del lavoro e fuga degli imprenditori, che dovranno avere un “attimo” di pazienza ancora e poi respireranno come fossero in montagna, ovvero, a pieni polmoni, la crisi sta per finire, ancora otto anni e usciremo dalla dannata recessione, visto che secondo gli analisti la crisi economica italiana potrebbe lasciarci non prima del 2020.   Nel frattempo agli abitanti del bel Paese che resta da fare, nulla, rassegnarsi a percepire salari che vengono sgretolati dall’inflazione, allargare le braccia di fronte allo spread che vola sopra i 400 punti, assistere impotenti al crollo delle Borse, alla diminuzione del PIL e all’incalzare della pressione fiscale con sempre nuove tasse ed imposte e a pagare la benzina al prezzo più alto d’Europa. Ma la domanda nasce spontanea. Non ci doveva salvare il professor Monti? Non dovremmo rassicurarci di fronte al nostro “Super Mario” che una volta sfidato la procella, ci solleva l’animo informandoci che stiamo crescendo? Si forse cresciamo o meglio, cresce il numero di suicidi in Italia, ma altra crescita non la vediamo, così come non abbiamo visto liberalizzazioni, al di là dei tanti proclami lanciati dall’attuale classe dirigente con il benestare dei fedelissimi servitori che appoggiano il Governo del Professore. Così come pare non ci sia l’ombra dell’avvio delle infrastrutture, della ricerca, delle attrattive per investitori e imprenditori esteri per farli venire in Italia, anzi, quelli che ci sono pare che scappino come i cavalli durante un incendio nelle stalle. Non prendiamoci in giro e non ci prendano in giro, l’Italia sembra quella macchina portata dal meccanico in cui si cambiano continuamente pezzi a carissimo prezzo ma non si riesce a farle tenere il minimo perchè si spegne di continuo, questo sempre che si metta in moto! In Italia non c’è alcuna crescita, né reale né, tantomeno apparente, non ce n’era nello scorso decennio, quello per lo più governato da Berlusconi, figuriamoci ora, con la differenza che oggi si blatera e si invoca il rigore, ma quando mai “rigore” ha fatto rima con sviluppo? In tutto questo contesto c’è un altro importante capitolo che frena lo crescita del Paese ed è rappresentato dal Fisco che nel 2015 in fatto di pressione fiscale, raggiungerà il 45% del Pil. Certo anche un bambino avrebbe saputo fare ciò che ha fatto Monti, tassare gli italiani, aumentare la benzina e via di seguito lo saprebbe fare anche un handicappato mentale e invece l’ha fatto Monti e i suoi fedelissimi che handicappati non pare siano e allora cosa sono?
Be Sociable, Share!

Tags: ,

One Comment

  • upnews.it ha detto:

    Recessione: tutto finirà, forse, nel 2020 e nel frattempo? ammazzatevi! | Finanza in rete…

    Grandioso…. Non c’è che dire, anzi, ditelo agli italiani “strozzati” da tasse, imposte, perdita del lavoro e fuga degli imprenditori, che dovranno avere un “attimo” di pazienza ancora e poi respireranno come fossero in montagna, ovvero, a pieni polmoni…