Share:
Condividi

Per ricordarsi della tariffa in questione, dobbiamo fare un salto indietro nel tempo, cosa non facile, bombardati come siamo continuamente da un numero impressionante di offerte da parte delle diverse Compagnie telefoniche. Una cosa è tuttavia certa, la Telecom si ricordera meglio la multa ricevuta dall’Antitrust che l’ha multata per la campagna Tim Premia.

Secondo l’Antitrust, infatti, tale campagna prevedeva un regalo pari a 10 euro per ogni 20 ricaricati, un affare, dunque, macchè… in pochi sapevano che per avere diritto a ciò bisognava cambiare il piano tariffario ed in questo caso cominciavano i dolori…. Visto che il nuovo piano tariffario era sicuramente più oneroso. Se si fosse aderito all’offerta, ad insaputa dell’utente,  si assisteva ad un vero e proprio sconvolgimento del piano telefonico in fatto di tariffe.

Tanto è bastato all’Antitrust per comminare una sanzione di 95 mila euro alla Telecom. L’ingannevolezza della promozione derivava proprio dall’evidenza di come l’ignaro utente veniva fuorviato dal fatto di sapere che bastava ricaricare 20 euro per risparmiare il 50% della spesa, visto che dieci euro sarebbero stati a carico della Compagnia telefonica.Nella vicenda che ha visto schierata da una parte l’Antitrust e dall’altra la Telecom, grosso merito va riconosciuto alle Associazioni dei Consumatori che, grazie all’Unione Nazionale Consumatori, hanno sollevato la questione informando della scorrettezza l’Antitrust.

Secondo l’ UNC, infatti, “il messaggio ometteva di specificare che l’adesione all’offerta tariffaria comportava una variazione del piano tariffario del cliente, a sua volta implicante un costo di 6 euro (rimborsato, per le attivazioni effettuate entro il 31 luglio 2009, mediante accredito di traffico telefonico), nonché l’applicazione di una tariffazione unitaria delle chiamate alquanto onerosa e basata su scatti anticipati di sessanta secondi e addebito dello scatto alla risposta”.

Ha concluso l’Antitrust: “I profili di ingannevolezza della pratica commerciale in esame riguardano la completezza delle informazioni fornite ai consumatori in ordine alle caratteristiche e alle condizioni economiche dell’opzione tariffaria “Tim Premia”. In particolare, il messaggio oggetto di segnalazione prospetta all’utente la possibilità di ottenere, mediante l’adesione all’opzione tariffaria “Tim Premia”, 10 euro di traffico telefonico gratuito per ogni ricarica di 20 euro, ma omette qualunque menzione in merito alla conseguente, necessaria variazione del piano tariffario originario dell’utente”. E le nuove condizioni dell’offerta potevano limitare gli effettivi vantaggi legati al bonus.


border="0" alt="contatore"/>


counter