Crea sito

Come evitare di mettersi nei guai guidando in città

vignetta strisce

 

Chi pensa che guidando in città debba avere un comportamento rispettoso per i pedoni solo quando questi si trovano sulle strisce pedonali sbaglia e al perdurare di questa errata convinzione, prima o poi, si metterà in seri guai!

Il pedone è un po’ come il cliente, ha sempre ragione o quasi, non importa se attraversa sulle strisce, può anche verificarsi il caso in cui le strisce non vi sono, o sono lontane e sopratutto in presenza di anziani che hanno difficoltà di deambulazione e di vista possono anche non rintracciarle e attraversare fuori dagli spazi pedonali, ciò non significa che gli automobilisti sono autorizzati a prestare minore attenzione e sperare di farla franca nel caso travolgessero il pedone. La Corte di Cassazione si è infatti pronunciata in favore di una donna anziana, successivamente deceduta, che attraversava fuori dalle strisce e che è stata investita da un automobilista che invocava a sua discolpa proprio il fatto che la donna impegnava la strada fuori dalle “zebre”.

Secondo la sentenza numero 26111/2016, depositata dalla Corte di Cassazione il 23 giugno scorso è stata confermata la condanna per omicidio colposo dell’automobilista che aveva travolto il pedone fuori dalle strisce pedonali. Infatti l’automobilista non ha potuto far valere la tesi secondo la quale l’attraversamento della strada da parte del pedone debba avvenire negli spazi a lui consentiti, tant’è che nel fatto avvenuto di cui alla Sentenza della Cassazione, su quella strada le strisce erano presenti ed il sinistro si è verificato poco lontano da essa. Il problema, secondo gli Ermellini, è che il conducente in città deve prestare massima attenzione ai pedoni fuori e dentro le strisce pedonali per di più, come nel caso specifico, il sinistro si era verificato in condizioni di luminosità e meteo ottimali al punto che se l’automobilista avesse adeguato la sua velocità e la sua attenzione alle condizioni di una guida prudente l’incidente non si sarebbe verificato se si pensa anche che la donna investita essendo anziana non poteva certo attraversare la strada fulmineamente al punto da rendere difficoltosa, da parte del conducente, la manovra per evitarla.

Per i togati infatti, il conducente di un veicolo deve osservare la massima prudenza e procedere a velocità moderata quando si trova in prossimità degli attraversamenti pedonali, permettendo così ai pedoni di esercitare il diritto di precedenza che gli spetta sia se attraversa sulle strisce sia se attraversa nelle loro vicinanze. Tale Sentenza è importante oltretutto perché mette in chiaro che gli automobilisti sono sempre tenuti a rallentare e se necessario a interrompere la loro marcia se ciò sia necessario per evitare incidenti anche connessi alla mancata cessione della precedenza a loro favore. In caso contrario la responsabilità per l’evento colposo che sia eventualmente derivato è comunque attribuibile ad essi, anche se al comportamento tenuto dal pedone può essere attribuita efficienza causale concorsuale.

Giuliano
Fonte: Studio Cataldi


contatori

Be Sociable, Share!

Tags: , , ,