Crea sito

Whatsapp: ecco le truffe che si annidano nel prezioso servizio

WhatsApp-hero   Chi rinuncerebbe volentieri a Whatsapp? Penso sarebbero in pochi visto l'enorme successo che ha ottenuto nel volgere di poco tempo quest'utile servizio. Eppure, sarà proprio per l'alto gradimento ottenuto da Whatsapp da parte degli utenti che accorrono sempre più numerosi ad iscriversi, che lo stesso servizio si è ben presto trasformato in un veicolo involontario di truffe a pioggia. Uno dei più frequenti raggiri riguarda la validità di Whatsapp. Infatti sta capitando spesso di ricevere un messaggio che avvisa che il proprio abbonamento su Whatsapp è prossimo alla scadenza. A questo punto su richiesta del servizio digitiamo il nostro numero di cellulare e senza accorgercene immediatamente sottoscriviamo un abbonamento di 20 euro al mese che comprende la possibilità di inviare sfondi per cellulari. La Polizia Postale avverte, se appare questo messaggio, non dobbiamo fare nulla, solo spegnere e accendere il cellulare, basta questa semplice accortezza e il messaggio sparirà. E che dire di Whatsapp Gold, un servizio che promette grandi cose per gli iscritti, salvo poi accorgerci a nostre spese che dietro quel messaggio si cela un malware che di fatto tenta e spesso riesce ad entrare nella nostra privacy rubandoci informazioni nostre riservate e che invece quando va bene si limita a mandarci pubblicità indesiderata. Il messaggio che invita a scaricare l'upgrade e da cui diffidare è il seguente:"Hey, finalmente è arrivata la versione segreta di WhatsApp. Questa versione - la Gold - è usata solo da grandi celebrità. Ora puoi usarla anche tu". Chi scarica l'upgrade rischia di infettare il proprio dispositivo con il virus che permettere agli hacker di controllarlo e rubare i dati. Consiglio? Non scaricare nulla e dotarsi di un buon antivirus. E come se non bastasse, ecco la possibilità offerta di scaricare nuove emoticon. Attenzione, se lo farete in effetti state portando dentro il vostro cellulare due virus. Avvisano gli agenti, della Polizia Postale, "è bene ricordare che nessun aggiornamento delle emoticon viene segnalato via messaggio, ma solo tramite aggiornamenti della applicazioni". E per finire, ecco il messaggio audio, un'informazione riportata nel cellulare vi avverte della presenza di un messaggio in segreteria, uno degli indirizzi che manda tale messaggio è [email protected] Attenzione, anche in questo caso si tratta di un virus. Whatsapp, ricorda la Polizia "non contatta gli iscritti in questo modo e soprattutto non attraverso un indirizzo di posta elettronica, visto che non glielo avete mai dato". - Consigli generali L'avvertimento generale degli agenti, in ogni caso, è quello di non aprire link fuorvianti, non fornire mai informazioni personali, se la fonte non è affidabile; non installare applicazioni non ufficiali scaricabili da negozi virtuali; non condividere o aprire messaggi sospetti". Infine, è opportuno utilizzare "un sistema di sicurezza che blocca il malware e i siti fraudolenti". Giuliano Fonte: Studio Cataldi
contatore
Be Sociable, Share!

Tags: , ,