Crea sito

Carburanti: se ci regalassero il petrolio, pagheremmo meno la benzina?

distributore_benzina

 

Se il petrolio greggio costasse zero euro al barile, gli automobilisti italiani pagherebbero comunque 1,2 euro per un litro di benzina e 1,05 euro per un litro di gasolio. E’ il risultato che emerge da un’indagine svolta dalla Faib Confesercenti che dimostra l’assurdità dei costi troppo elevati che si concentrano su un litro di carburante. A quelli di raffinazione, stoccaggio e distribuzione vanno aggiunte le accise e l’Iva, che da sole coprono il 63 e il 60% medio dei prodotti petroliferi. Se lo Stato non interviene non possiamo aspettarci prezzi più bassi.
L’indagine dimostra come dalla riduzione del costo del greggio nessuno si può attendere una riduzione percentuale di pari importo sui prezzi alla pompa, vista l’incomprimibilità di alcune voci. La parte variabile è esclusivamente quella legata al prezzo d’acquisto della materia prima che copre appena il 21% della benzina e il 25% del gasolio e in quota parte al margine lordo che in ogni caso non supera ad oggi il 13% medio.

Secondo Faib Confesercenti, considerando le varie offerte sul mercato e i prezzi praticati in modalità self, il prezzo industriale in Italia risulta in linea con il prezzo medio dell’UE, e in qualche caso più basso. Negli ultimi 3 mesi, da giugno ad agosto, la quotazione del greggio è passata da € 0,344 a circa € 0,280, con una diminuzione del 20% nei tre mesi, mentre il prezzo medio alla pompa è passato da € 1,623 /lt a 1,568 /lt per la benzina, con un calo del 4%, e per il gasolio siamo passati da 1.504 lt a 1,399 lt con un calo del 7 %.
“Gli italiani hanno ragione quando sostengono che a variazioni in diminuzione del greggio non corrisponde la stessa percentuale in diminuzione alla pompa, ma sino a quando lo Stato non interviene sulle accise rendendole flessibili come le quotazioni della materia prima, questo non potrà mai accadere e i consumatori italiani se ne dovranno fare una ragione”.

Help Consumatori


contatori

Be Sociable, Share!

Tags: ,